Il British Royal Heritage della Locanda Cipriani

L'8 settembre 2022 verrà ricordato come il giorno in cui finisce ufficialmente il XX secolo, alle 15.42, ora locale di Balmoral in Scozia, si spegne Elizabeth Mary Alexandra Windsor al secolo Her Majesty Queen Elizabeth the II, una Regina che verrà ricordata come colei che, qualcuno dice suo malgrado, ha svecchiato una monarchia che iniziava a perdere colpi.

In carica come monarca dal 6 febbraio 1952, giorno della morte del padre Giorgio VI, Elisabetta II avrà come primo ministro Sir Winston Churchill e anche lui entrerà nella nostra narrazione e come per la sovrana il destino farà in modo che la Locanda Cipriani di Torcello diventi un comune denominatore.

La Royal Family ha un grande trait d'union con Venezia e la sua laguna che non si limita ad Elisabetta II, nel 1984 sarà la Regina Madre Elizabeth Margareth Bowes De Lyon, consorte di Giorgio VI, a visitare la Locanda Cipriani a Torcello e il 4 maggio del 1985 sarà il turno di Lady Diana e del Principe Carlo, quello che oggi è a tutti gli effetti Re Carlo III.

È il 6 maggio 1961 quando il motoscafo che porta alla Locanda Cipriani Elisabetta e il Principe Consorte Filippo di Edimburgo percorre il lungo canale passando sotto il ponte del Diavolo e ormeggia in piazzetta Santa Fosca, la visita era preannunciata ma deve essere stata un'emozione indescrivibile veder scendere dal motoscafo i due componenti più in vista della Royal Family.

Il piccolo terrazzino al centro della facciata della Locanda era ornato con la bandiera inglese, quella di San Marco e quella italiana, affacciati si vedono Alessandro e Carla Brass, quest'ultima con in braccio Beatrice Brass, rispettivamente nonni paterni e sorella di Bonifacio Brass, attuale patron e anima della Locanda Cipriani.

La visita dei Reali inglesi a Torcello comprende la chiesa di Santa Fosca, la piccola area archeologica e successivamente la cattedrale di Santa Maria Assunta, di questo particolare frangente una vecchia foto in bianco e nero ci restituisce Elisabetta e Filippo di Edimburgo nella zona antistante la chiesa di Santa Fosca entrambi in contemplazione con un'espressione rilassata e soddisfatta.

È importante dire che le visite dei personaggi istituzionali inglesi in Locanda Cipriani vantano precedenti illustri perché nel 1954 Winston Churchill, allora primo ministro della Corona Britannica proprio all'inizio del regno di Elisabetta II, sbarca in piazzetta Santa Fosca e gode dell'ospitalità della famiglia Cipriani per alcuni giorni, approfittandone per dare sfogo alla sua grande passione: la pittura.

Nell'atto di lasciare la Locanda dona alla famiglia Cipriani un suo acquerello che verrà purtroppo, in tempi più recenti, trafugato.

Mi piace pensare che sia stato proprio Winston Churchill, memore del suo soggiorno, a consigliare la visita a Torcello alla giovane Regina, quella giovane Regina appena incoronata che lui proteggerà in modo quasi paterno fino alla fine del suo mandato di primo ministro nel 1955.

Se la visita di Elisabetta II inaugura la serie della Royal Family la visita della Regina Madre dà l'occasione a Bonifacio Brass, mio interlocutore in questa narrazione, di raccontarmi un succulento aneddoto.

Dopo il pranzo, consumato nella sala Portico che negli anni vedrà avvicendarsi moltissimi personaggi celebri tra i quali i Reali d'Olanda e del Belgio tanto da essere ribattezzata Sala Imperiale, l'attempata Regina, attraverso la sua Lady in Waiting, chiede di poter riposare qualche ora ed è così che Carla Cipriani Brass accompagna entrambe in quella che scopro ora essere la camera deputata ad accogliere gli ospiti più prestigiosi: la San Francesco.

Dopo essersi accomiatata Carla Cipriani Brass scende al piano terra in locanda ma non passa molto tempo e la dama di compagnia le chiede di salire perché la sovrana desidera parlarle, un po' preoccupata, e temendo che qualcosa non andasse, sale le scale e aperta la porta della camera trova la Regina seduta in poltrona in pantofole con un bicchiere di ottimo whisky scozzese sul tavolino, Carla Cipriani Brass si siede al suo fianco e la sovrana con fare amichevole le chiede di fare quattro chiacchiere.

Durante il nostro colloquio Bonifacio Brass mi racconta che la visita di Lady D e del Principe di Galles avviene il 4 maggio 1985, giorno del suo ventiduesimo compleanno, giorno un po' complicato per l'operatività alla Locanda Cipriani perché è già previsto da tempo un matrimonio.

La visita di Diana e Carlo viene preavvisata dal Ministero degli Interni che chiede di cancellare il matrimonio per consentire la visita dei Principi ma il diniego da parte della famiglia Cipriani è perentorio e in questo caso potremmo tranquillamente dire che quel matrimonio “s'aveva da fare” e che la professionalità non doveva essere sacrificata neppure per le teste coronate, e così fu.

I preparativi fervono ed era previsto che il menu dei Principi venisse stampato dal Poligrafico di Stato su istruzioni del Ministero delle Finanze ma il refuso è sempre in agguato e così le pregiatissime castraure di Sant'Erasmo diventano erroneamente “castrauze” ma poco male i preparativi continuano spediti.

La visita dei componenti della Royal Family viene quindi confermata e lo staff della Locanda deve attrezzarsi per far coesistere senza intoppi le due cose, gli addetti alla sicurezza della Casa Reale Inglese chiedono che non vengano fatte foto ai Principi e così il fatidico giorno, ottenendo la collaborazione degli astanti, gli apparecchi fotografici vengono chiusi in una stanza.

Le tante precauzioni per fare in modo che i due eventi non si intersecassero risulteranno alla fine vane perché Carlo e Diana, capito che dovevano “spartire” la Locanda, vanno simpaticamente, ed informalmente, a fare le congratulazioni ai novelli sposi dei quali possiamo solo immaginare la sorpresa.

Diana, che da molti è stata descritta come donna attenta alla linea, farà il bis di più di qualche portata del menu complimentandosi con la cucina.

Quando all'inizio parlo della Regina che ha svecchiato la monarchia mi riferisco anche al fatto che Elisabetta II ha visto nascere la swinging London stringendo la mano a molti dei personaggi che incarnavano le tendenze musicali dell'epoca e anche qui il trait d'union con la Locanda Cipriani è evidente tra i personaggi a cui ha stretto la mano la Regina nel nutrito guest book figurano Elton John, Rod Stewart, David Gilmour, chitarrista dei Pink Floyd, e Victoria Beckham che però, pur essendo un membro delle Spice Girls, riceverà il riconoscimento di “Ufficiale dell'Impero Britannico” per i servizi resi al mondo della moda e non per meriti musicali.

Tra le dichiarazioni post mortem per Elisabetta II spicca quella di Mick Jagger, anch'egli a più riprese ospite della Locanda Cipriani che dichiara che la Regina è stato un punto fermo della sua vita e anche su di lui Bonifacio Brass ha un aneddoto da raccontare.

Una sera verso la fine della stagione estiva nel 2000 durante una cena alla quale erano presenti uno dei banchieri della famiglia Goldstein e più di qualche testa coronata ad un tratto la porta della Sala Portico che dà sullo splendido e curatissimo giardino della Locanda si apre e appaiono una donna bionda e un uomo dall'aria inizialmente un po' dimessa con una giacca sulla spalla, Bonifacio Brass scorge subito qualcosa di familiare nei lineamenti e nel portamento e scopre dopo pochi attimi che si tratta di Mick Jagger, il suo idolo e, come letteralmente mi riferisce, gli cade la mandibola.

Qui però quel trait d'union di cui ho parlato è un po' più debole perché Mick Jagger, nel 2002, riceve il riconoscimento reale ma non dalle mani della sovrana, bensì da quelle dell'allora primo ministro Tony Blair.

La Locanda Cipriani, o più semplicemente la Locanda come molti la chiamano dando per scontato che non ci si possa sbagliare, continua ad essere testimone discreta del passaggio di persone più o meno famose e Queen Elizabeth the II ha voluto essere parte dell'heritage della Locanda Cipriani con l'unica visita in forma privata mai fatta ad un ristorante in terra straniera durante tutta la durata del suo lungo regno.

 

Giovanni Veronese

© Riproduzione Riservata

Fotografie e documenti gentilmente forniti dalla Locanda Cipriani. Riproduzione parziale o totale non consentita